Categorie
Fatti privati in blog pubblico

1, 2, 3… WordPress!

È disponibile on line da adesso il mio videocorso 1, 2, 3… WordPress!, una guida passo passo che ti aiuta ad imparare WordPress 5.x (sì, quello col nuovo editor a blocchi Gutenberg!), mentre clic dopo clic realizzi il tuo sito web professionale.

I veri Guru del web avrebbero scritto un super articolo con CTA, parole emozionali, liste di vantaggi e via dicendo, per lanciare il loro videocorso. Poi ci sono io, che non farò nulla di tutto questo. Mi va di raccontarti, invece, che cosa significa per me questo videocorso e come mi ha cambiata.

Pubblicare un videocorso, anzitutto, è come una gravidanza. Ci ho messo nove mesi per vederlo venire alla luce. Ho avuto la nausea, le gambe gonfie, e l’ansia di sapere che faccia avrà. Per me è stato così. Perfino gli sbalzi d’umore, quelli da ormoni impazziti: da “non ce la farò mai” a “che figata! devo solo caricare la dispensa pdf per questo modulo”, in meno di 3 secondi. Ma devo raccontarti un po’ di cose per farti capire bene perché io in questo istante sto piangendo di gioia e di gratitudine, contemplando le 3 pagine di vendita (eh sì 3 pagine, per 3 versioni differenti, con 3 opzioni differenti, mica pizza e fichi!), come quando hai fra le braccia il tuo frugoletto appena nato.

Da dove sono partita

Mai avrei immaginato, nel 2013, quando, mio malgrado – leggi: per obbligo! – ho installato WordPress per la prima volta, che WordPress avrebbe invaso la mia vita professionale (e non solo quella!), come fa l’acqua, occupando tutto lo spazio a disposizione. Le cose fatte controvoglia spesso fanno venir fuori il mal di testa! Invece quella volta a me si è dischiuso un mondo! E per questo dovrei – forse – ringraziare chi quell’obbligo me lo impose: poi penso a tutte le pessime esperienze vissute in quel contesto… e il senso di riconoscenza va proprio a farsi benedire! Ma questa è un’altra storia...

Mai avrei immaginato di metterci la faccia – quella vera, oltre alla reputazione – e posizionarmi davanti alla telecamera… e sul web, poi! Io che odio la mia voce, io che inizio ad avere le rughe, io che sono grassa, io che parlo spesso in dialetto, io che se non parlo in dialetto ho il mio accento centro-marchigiano, ecc…

Se penso alla me di 365 giorni fa, ovvero a Margherita nell’istante in cui ha pensato di realizzare questo videocorso, quasi quasi non la riconosco. Cioè… non riconosco la me di 365 giorni fa: quella di oggi, mi piace assai di più!

Cosa significa per me questo videocorso?

È una grandissima vittoria contro tanti tabù di cui ero prigioniera: quelle che ho scritto sopra, sono solo una piccola parte!

È una rivincita personale su una lunga lista di persone che ho incontrato nella mia vita professionale, da cui ho ricevuto tante umiliazioni, da farmi credere davvero che ero una nullità, che non sarei stata capace di fare questo o quello. E invece… ve lo sareste immaginato!? Prrrrrrr… 😛

È la sfida vinta contro l’universo intero, che ci ha messo del suo per aggiungere ostacoli su ostacoli nel percorso verso l’obiettivo: microfoni rotti, registrazioni di cui c’è solo l’immagine ma non il video, video caricati con audio e video non sincronizzati, videolezioni con ronzii di fondo, la rete che va leeeeeeenta e che blocca gli upload dei video, il programma di editing che va in crush a 3 fotogrammi dalla fine (e sì, perdi 2 ore del lavoro precedente)… Ti basta?!

Come mi ha cambiata questo videocorso?

Ho abbattuto muri altissimi dentro cui ero chiusa a chiave da sempre. Ho guadagnato moltissimo in autostima (anche se la Margherita rompicoglioni in basso profilo è un falco e sta sempre pronta per lanciarsi all’attacco).

Ho raggiunto tante nuove consapevolezze: fare stories su Instagram con faccia e voce, perfino se ho 1 cm di ricrescita e sono senza trucco, non è la fine del mondo (e se mi conosci, sai che superare questi due “ostacoli” è già una bella rivoluzione copernicana).

Ho capito che davvero non bisogna mollare mai se pensi di aver avuto una buona idea. Ho quasi 43 anni e no, non lo avevo ancora compreso fino in fondo.

A chi devo dire grazie

Beh, qui la lista è davvero lunga ma mi viene davvero spontaneo farlo.

Agli uomini di casa, che hanno sempre egragiamente sopperito alla mie assenze nella gestione della famiglia durante questi mesi.

A Gioia, la mia business coach, che ha accompagnato la realizzazione di questo Big big big Event con preziosissimi consigli.

Al mio team di tester, in particolare a Nicole Tirabassi e a Anna Cortelazzo: due super professioniste e mie compagne di BBClub, che hanno davvero fatto le pulci a tutto il materiale.

A Giorgia, che ha dettato e ripetuto spesso con me il mantra: “sono una professionista, sono una professionista, sono una professionista…”

Infine, a mio figlio maggiore Filippo, che mi ha supportato dal punto di vista tecnico in modo imprescindibile, e mi ha pure sopportato – tanto – in questa lunga avventura. Con la speranza di avergli lasciato un importante insegnamento: se vuoi, puoi arrivare dove neppure immaginavi.

E a te che hai letto fino a qui, G R A Z I E anche a te. Ti lascio due cose qui sotto. A fondo pagina trovi il form per accedere al mio Retro Bottega, dove trovi alcuni freebie riguardanti WordPress, i siti web, la gestione del blog, ecc… (Attenzione SPOILER: ti preannuncio che da settembre la sezione diventerà una miniera di risorse gratuite… e quindi: iscriviti). E poi il link per andare a curiosare il piano di studio di 1, 2, 3… WordPress! nelle 3 versioni disponibili con opzioni diverse, ma soprattutto con uno sconto lancio del 25% fino alle 23:59 di domenica 4 agosto 2019 (poi il prezzo salirà!).

Se pensi che il web non fa proprio per te, se ritieni impossibile riuscire a costruire il tuo sito web da sol*, raccogli la sfida e credici: ce la puoi fare!

Ultimo aggiornamento:

Share the love

Di Margherita Pelonara

WordPress FrontEnd Designer.
Co-founder e Organizer di WordPress Meetup Ancona.
Make-up addicted.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.